I giardini del Tao

Elena Dall’Igna

Elena Dall'Igna | I giardini del tao

In costante ricer­ca nel cam­po del Ben-Essere e del­la Cresci­ta Per­son­ale, si diplo­ma­ta in Costel­lazioni Famil­iari Sis­temiche e in Comu­ni­cazione pres­so il Cen­tro Stu­di Piaz­za. Gra­zie ad Attilio Piaz­za, a cui rimane pro­fon­da­mente riconoscente, può avvaler­si anche del­la for­mazione per­son­ale con Bert Hellinger, Jakob Schnei­der e Sieglinde Schneider.
Amante del­la fisi­ca quan­tis­ti­ca diviene Mas­ter Rei­ki Oro (un’evoluzione del Rei­ki tradizionale).
For­ma­ta in Mind­ful­ness, Pro­gram­mazione Neu­roLin­guis­ti­ca (PNL), EFT (Emo­tion­al Free­dom Tech­nique), Logos­in­te­si e Meditazione.
Socio fonda­tore dell’Asso­ci­azione di Pro­mozione Sociale Aletheia che nasce per pro­muo­vere e dif­fondere quelle conoscen­ze che per­me­t­tono di ampli­are la pro­pria visione del­la realtà.
Agevola con amore e pro­fes­sion­al­ità per­cor­si di Cresci­ta Per­son­ale che con­ducono a un nuo­vo liv­el­lo di coscienza.
Con­duce ses­sioni di Costel­lazioni Famil­iari Sis­temiche indi­vid­u­ali e Sem­i­nari di gruppo.

Contatti

http://www.facebook.com/aletheiaassociazione

Comunicazione Consapevole Empatica

Un breve per­cor­so teori­co-espe­rien­ziale riv­olto a conoscere la Comu­ni­cazione Con­sapev­ole Empat­i­ca come processo.
Non è pos­si­bile non comunicare!
Comu­nichi­amo costan­te­mente ed è per questo che comu­ni­care paci­fi­ca­mente con chiarez­za e con­sapev­olez­za, soprat­tut­to con i bam­bi­ni, è impor­tante poiché facili­ta il rag­giung­i­men­to di un sano ed evo­lu­ti­vo rap­por­to empati­co.
L’incontro for­nisce effi­caci stru­men­ti di pron­to uti­liz­zo per conoscere meglio sé stes­si, dare e dar­si val­ore impara­n­do nuovi modi di comu­ni­care che cre­ano armo­niose e paci­fiche relazioni tra gran­di e pic­ci­ni.
Come si giunge ad un dial­o­go empati­co?     Cosa comu­ni­ca e come comu­ni­ca costan­te­mente il corpo?
Molto spes­so i mal­in­te­si sono dovu­ti a dif­fi­coltà nell’osservare e riconoscere pri­ma e comu­ni­care poi ciò che è vero e impor­tante per noi.
Ques­ta dif­fi­coltà viene inevitabil­mente inseg­na­ta ai bam­bi­ni che si allon­tanano sem­pre di più dal loro vero sen­tire, pregiu­di­can­do così la capac­ità di man­i­fes­tar­si come indi­vidui incom­pa­ra­bili e orig­i­nali in un col­let­ti­vo che tende ad uni­for­mare anziché esaltarne l’unicità.
Ecco allo­ra che l’adulto può con­sapevol­mente fare la sua parte accom­pa­g­nan­do il bam­bi­no nel­la cresci­ta, nel­lo svilup­po armo­nioso e nel con­tat­to con il pro­prio vero Sé.